Beyonce ‘piratata’ 240,000 volte in 10 giorni – ma c’è comunque da festeggiare

Condividi

Ha venduto 1 milione e 400.000 copie in tutto il mondo nel giro di 10 giorni, 991.000 delle quali solo negli Usa, ma anche in termini di pirateria non scherzerebbe affatto. Beyonce, quinto album della chiappona bicolor, è stato infatti illegalmente scaricato 240,000 volte in 10 giorni. Solo in America.
A certificarlo Musicmetric, in grado di monitorare il numero di file BitTorrent che circolano nel corso di una settimana. Ebbene a partire dal 18 dicembre l’intero catalogo di Beyonce è stato ‘condiviso’ circa 2 milioni di volte. 239,131 di queste riguardava proprio il suo ultimo disco, inizialmente pubblicato solo su iTunes. Numeri alla mano, visto che l’album costava 15 dollari e 99 centesimi, la culona ha teoricamente ‘perso’ 3,8 milioni di dollari a causa della pirateria, ma c’è un MA ed è un MA grande come una casa.
Perché come ricordato e sottolineato da Gregory Mead, Chief Executive Music Metric, la pirateria può paradossalmente tramutare lo ‘scaricatore illegale’ medio in un ‘nuovo’ possibile ascoltatore ed acquirente di musica grazie proprio alla conoscenza ‘gratuita’ di cui ha illegalmente usufruito. Sempre Beyonce, ad esempio, ha generato in questi ultimi 10 giorni una vendita on line dei propri precedenti dischi cinque volte superiore alla media.
Segno che la pirateria, illegale e ovviamente combattuta da major ed artisti, spesso e volentieri tanto male non fa.

Autore

Articoli correlati