x

Brutale aggressione omofoba negli States la notte di Natale

Condividi

Schermata 2015-12-28 alle 09.02.33

L’omofobia natalizia non coinvolge solo l’Italia, come visto ieri ad Andria.
Un ragazzo omosessuale è stato infatti brutalmente aggredito la notte del 25 dicembre nella sua casa di Yorktown, Virginia.
Drew Inge il suo nome, con il ragazzo che ha pubblicato un selfie post-aggressione in cui sono evidenti i segni delle botte.
Tenuto in ostaggio nel suo bagno, Drew è stato preso a calci e pugni in faccia, mentre gli gridavano ‘frocio’.
Quando ha cercato di difendersi con il bastone della tenda della doccia, il suo aggressore ha afferrato l’asta, gliel’ha spaccata addosso e gliel’ha infilata in un occhio. Quando ha provato a fuggire, invece, il bastardo gli ha spaccato le dita della mano destra chiudendogliele nella porta.
Parrucchiere, Drew ha trovato la forza di mostrarsi su Instagram per ‘denunciare’ quanto accaduto, chiedendo un aiuto economico per contribuire alle spese mediche e alla mancanza di lavoro che è subito diventata realtà.
‘Non so quale danno hanno subito le mie dita ma sono sicuro che saranno di nuovo tra i capelli, nulla potrà fermarmi’.
Lo schifoso che l’ha aggredito, che non si capisce se conoscente e/o sconosciuto, è stato fermato ed arrestato dalla polizia.

Autore

Articoli correlati