x

SALVAMIX – campagna di crowdfunding per il 27° Festival MIX Milano‏

Condividi

Partecipato, interessante, ricco, variegato, e decisamente clamorosamente ‘seguito’ da tutta la città.
A pochi giorni dalla fine del Torino GLBT film Festival 2013, che mi vede in giuria e che con grande interesse mi ha letteralmente fatto suo (a vincitori ufficializzati arriverà il mio resoconto conclusivo), un altro storico Festival del cinema gay d’Italia scalda i motori per l’immediata partenza, ovvero il Festival MIX Milano‏, arrivato alla sua 27esima edizione.
Un’edizione che si terrà dal prossimo 19 al 27 giugno, al Teatro Strehler di Milano, con non pochi problemi di tipo economico, tanto dall’aver fatto partire una campagna di crowdfunding.



Nell’attuale contesto di crisi economica e tagli alla cultura, il Festival MIX meneghino ha ideato il SALVAMIX, strategia di partecipazione collettiva che prova ad allargare i confini del semplice sostegno finanziario.
Con l’acquisto anticipato dei biglietti e degli abbonamenti,  si potrà di fatto sostenere il progetto, ma anche trasformarsi in “creativi”  del Festival attraverso la condivisione di alcuni step nodali del processo creativo e ideativo. 
La logica è semplice: investendo da un minimo di 10 a un massimo di 500 euro, si potrannopre-acquistare i biglietti o gli abbonamenti per le proiezioni, i drink e gli ingressi ai MIX Party. Indipendentemente dall’entità del contributo si attiverà la partecipazione al processo creativo del Festival che si esplica nella scelta del progetto grafico, del film di chiusura, dei libri da presentare, delle retrospettive, fino alla  decisione del classico del cinema queer da rivedere.   Un’occasione dunque di condivisione ma soprattutto una possibilità di riscrivere con la gente 
un diverso modo di fare il festival e cultura in maniera indipendente, attraverso la ridefinizione di una nuova dialettica tra chi ha la responsabilità del fare e chi ha la responsabilità del contribuire partecipando per poter realizzare insieme il MIX.
Andando qui, in conclusione, potrete collaborare alla realizzazione del Festival Mix 2013, anche solo acquistando con largo anticipo i ticket d’ingresso che vi permetteranno poi di assistere ai film in programma.
Perché in un contesto economico e sociale come questo, che ci vede ancora ai margini dei diritti e dell’agenda politica, i Festival del Cinema Gay non sono solo ‘utili’, ma semplicemente ‘necessari’. Per far vedere al mondo che ci siamo, siamo vivi e meritiamo rispetto. Come qualsiasi altro eterosessuale, tra le altre cose ampiamente rappresentato 365 giorni l’anno al buio di una sala.

Autore

Articoli correlati