Lady Gaga MODESTA su BORN THIS WAY: sarà l’inno di ogni gay pride?

Condividi

Intervista lunga e particolareggiata quella rilasciata da Lady Gaga a Vogue, con alcune chicche riguardanti il suo prossimo album e in particolar modo Born This Way, da domani (ore 12 in Italia, dalle 15 su iTunes) finalmente on line. Queste le parole della Germanotta, più o meno romanzate dalla giornalista:  
“Lady GaGa si è presentata con in mano il suo ipod. Dopodiché lo ha collegato ad uno stereo e ha cominciate a mandare Born This Way, il suo nuovo singolo. A primo impatto la canzone sembrava avere un sound un pò ispirato a Madonna per poi sfumare in una hit di Bronski Beat. Tuttavia dopo un pò è possibile capire che è una canzone originale di Lady GaGa e che è un tributo alla canzone disco-underground I Was Born This Way. E’ una bellissima canzone dance destinata a diventare l’inno di ogni gay pride.”
Lady GaGa afferma che Elton John ha esclamato di non aver mai sentito una canzone “più gay” di Born This Way. “Ho scritto la canzone in soli 10 minuti ed ha un messaggio magico. E dopo aver scritto questa era come se le “porte” si fossero aperte e cominciai a scrivere altre canzoni come se fosse un’immacolata concezione”. A questo punto Lady GaGa fa ascoltare qualche altra canzone e menziona i titoli Hair, Bad Kids e Government Hooker.

Il secondo singolo dall’album Born This Way sarà Judas, un tipico mash-up. La canzone sembra esser stata scritta per i Ronettes a primo impatto, tuttavia ha un sound molto dance ed è legata alla storia degli uomini traditori della Bibbia.

Poi c’è un’altra canzone chiamata Americano, una canzone techno-house in cui parla delle leggi sull’immigrazione, dei matrimoni gay e di tutto ciò che ha a che fare con la comunità americana. “Sembra una canzone pop, ma quando la canto mi immagino Edith Piaf in un angolo con un vecchio micrfono. Nell’album però ci sono anche canzoni Rock-’n’-Roll con un sound ispirato a Bruce Springsteen e ai Guns N’ Roses. Credo di non aver mai fatto nulla del genere prima d’ora. Born This Way (album) si concentra molto di più sulla voce. E’ molto elettronico tuttavia c’è anche un aspetto teatrale.

——
E che la mia rinomata tendenza ad ESAGERARE vada pure a farsi fottere.

Autore

Articoli correlati