My Life (A Michael Keaton me fai na pippa!) 6° puntata

Condividi

Nelle puntate precedenti…
——————-

Aaaaaaaah Mykonos… i mulini, i pellicani, il vento, il mare, che dopo UN SEMPLICE PASSO diventa OCEANO arrivandoti fino al collo, quando un passo prima ti arrivava alle caviglie, della serie E CHE CAZZO METTETE UN CARTELLO D’AVVISO C’E’ NA VORAGINE!, gli scooter, i localetti grandi quanto un buco di culo, le drag queen, gli immancabili romani, che hanno un sindacato tutto loro per stare OVUNQUE tutte le estati se no NUN SE SPIEGA, la musica perenne, le strade sterrate, la BENZA a du sordi, lo yogurt SCHIFOSO, i quotidiani italiani de du giorni prima da andare a comprare la mattina al porto, la colazione con CAPPUCCIO e CORNETTO al quartiere italiano perchè senza la giornata NUN POTEVA INIZIA’, la pizza 4 sere su 7, ma soprattutto loro… i froci!
TERRA di gay, Mykonos negli anni si è DECISAMENTE aperta, diventando META turistica anche per gli eterosessuali. Un BUON 40% dei turisti resta ancorato alla TRADIZIONE del PIPINO che va infilato nella PATATINA, con il restante 60% che DEVIA dalle tradizioni, modernizzando il tutto… della serie semo proprio PRECURSORI, altro che diversi!
La NOSTRA coppia fissa, perseguitata e OSSERVATA in modo quasi maniacale, fu rappresentata da due SPAGNOLI. Uno venne ribattezzato MAGLIETTA ROSSA, perchè quella portava la prima volta che lo PUNTAMMO, ed era semplicemente da TOGLIERE IL FIATO!
Mediterraneo al 100%, moro, occhi scuri, pelle abbronzata, sopracciglione folte, spalle da orgasmo multiplo istantaneo, sorriso MAGGGGICO e un ragazzo da tenere mano per la mano OVUNQUE, 24ore su 24, in quella che E’ l’isola della TRASGRESSIONE! Della serie MA SIETE SCEMI? Fidanzati e venite a Mykonos a fò le vacanze?!?
Dove andavamo noi, C’ERANO LORO… In spiaggia, in discoteca, al ristorante, ce li trovavamo SEMPRE accanto, con annesse sbirciatine, se non addirittura FOTO! Probabilmente ci odiarono, ma MAGLIETTA ROSSA è rimasto negli anni… indimenticabile…
Così come INDIMENTICABILE fu l’esperienza al BATTUAGE di Mykonos, dietro la conosciutissima chiesetta! Capirai, io c’ho l’ansia pure ad entrà in Dark Room, figurarsi fare il BATTUAGE, ma alla fine, al PENULTIMO giorno, ho CEDUTO alla curiosità, e son entrato nel MAGICO mondo del rimorchio FACILE E SQUALLIDO!
Un silenzio angosciante e assordante, con il vento che spira tra le strette viuzze, il chiaro di luna ad illuminare, e un ESERCITO di uomini in posa, muti, con sguardo fisso e ammiccante, appoggiati al muro, o semplicemente in CAMMINO, in cerca di CARNE FRESCA da assaporare… ce mancavano giusto le palle de fieno portate via dal vento, e poi il quadro era completo! Peggio del TUNNEL dell’orrore del Luna Park, con queste CAZZO di viuzze larghe meno di due metri, obbligandoti quasi a STRUSCIARTI con colui che stava appoggiato al muro, che OVVIAMENTE non aspettava altro che tu passassi.
Se cercate un posto dove sentirvi in IMBARAZZO TOTALE, perfetto, quello è il posto che fa per voi! TUTTI rimorchiano, tutti cercano sesso facile, tutti cercano una semplice SVELTINA, da fare senza pudore in qualche angolo buio, o lungo la scogliera con le onde del mare che si schiantano sugli scogli, mentre te SCHIANTI altro, perchè QUELLO è l’angolo MIGNOTTONI dell’isola, affollato come il palco dell’Alpheus quando parte Britney, dove andare a SFOGARE i propri istinti sessuali…
Due dei miei compagni di viaggio ce fecero tipo il VITALIZIO, andandoci TUTTE le sere, arrivando a fine vacanza ad un totale di UOMINI quasi imbarazzante, mentre il sottoscritto si limitò a quell’unica sera, che non portò praticamente NULLA, se non tanto imbarazzo, considerando pure che ero ancora nella fase STO ZITTO NON PARLO SONO FROCIO DA POCO MI VERGOGNO CIAO NON MI GUARDATE … della serie ANNI E ANNI BUTTATI NEL CESSO, quindi ve prego fatemè tornà indietro che me devo RIFA’!
Accompagnato poi dai miei due FIDATI fidanzatini dei miei cojoni, che NON SIA MAI SE DIVERTIMO QUINDI ANNAMO A LETTO PRESTO CHE DOMANI SE SVEJAMO PER ANNA’ AL MARE, l’unico (ebbene si… ) RIMORCHIO ci fu solo l’ultimissima sera, quando dentro una delle TANTE mini discoteche, rimasto con gli ALTRI due, quelli del vitalizio al battuage, mi INCOLLAI a un greco di 21anni, tanto caruccio quanto IMPOSSIBILE da capire!
Il suo inglese era “tentennante”, il mio CHE TE LO DICO A FA’, quindi l’approcio, e soprattutto IL DOPO, fu a dir poco esilarante, da film muto anni 20! Più che due froci sembravamo due deficienti, in una sorta di GIOCA JOUER PORNO, ma tanto quando poi c’è da CONCLUDERE ed arrivare al sodo TUTTO serve tranne che le parole, e così fu! La strada che porta A QUELLO se conosce talmente bene che tutto il resto è un più… basta il tatto!
Alla fine furono DAVVERO 7 giorni A DIR POCO distruttivi…
Dormimmo credo NON PIU’ di 25 ore! Tornammo a Roma chi con FEBBRE a 40°, chi con mal di gola, chi cor collo bloccato, chi totalmente PROSCIUGATO, sfiancati dal vento lancinante, dalle 10 ore di ballo giornaliere, dai viaggi in scooter su e giù per l’isola, dal sole e dalle LITIGATE tra di noi, che in vacanza NON MANCANO MAI!
Nel viaggio di ritorno mi ripromisi di TORNARE a Mykonos ai 28ANNI d’età ( non me chiedete il perchè che non lo so! ) per VIVERMELA davvero, in tutto il suo trasgressivo divertimento, senza BLOCCHI mentali, fidanzatini in stanza e soprattutto con un MAGLIOCINO in valigia in più e un’apertura mentale finalmente matura!
Una volta a Roma venni BOMBARDATO di domande dai miei, che avevano scoperto la Mykonos frocia grazie al fottuto Lucignolo, ma non feci altro che continuare ad inventare cazzate su cazzate, come ormai stavo facendo da un anno, e i due si tranquillizzarono, fidandosi del loro FIGLIO PERFETTO CHE MAI AVEVA DATO NESSUN TIPO DI PROBLEMA…
Così di destra, così provinciali, così finti genitori moderni, così preoccupati dal vociare e da COSA possano dire GLI ALTRI sul nostro conto, così obiettivamente razzisti, mia madre e mio padre erano indubbiamente i classici genitori a cui NON dire della propria omosessualità!
Fino a quando una bella sera, investito da una sana botta di follia, senza pensarci due secondi di più, e senza averlo minimamente programmato, sono impazzito, ho preso mia madre sotto braccio, e ho fatto Coming Out…
————–
To be Continued…

Autore

Articoli correlati