Sean Hayes di Will and Grace racconta il suo coming out in famiglia: ‘essere gay è normale quanto essere etero’

Condividi

DS-P1FZWkAETgWj.jpg_large

“È così un cliché, lo feci durante il weekend del Ringraziamento”. “Era il 1988, avevo 18 anni. Mia madre disse che dovevo andare a vedere un terapeuta. Mi scrisse una lettera di 10 pagine, su entrambi i lati su un blocchetto di appunti. “Questo non è quello che Dio …”. Sai, tutta l’ignorante visione di tutto ciò. Ma è stata educata e ha avuto amici gay”. ‘Era tipo, “Oh capisco. Sei proprio come me”, e tutto il resto. Con il tempo è diventato tutto così bello e meraviglioso, e poi è diventata così solidale e meravigliosa”.

Perché il coming out, inutile girarci attorno, ti cambia.
Sempre e comunque.
Eppure Sean, dal 2014 sposo del compositore Scott Icenogle, ha pubblicamente gettato la maschera solo nel 2010, dopo aver a lungo smentito la propria omosessualità.

“Se non hai le parole giuste per spiegarlo alla tua famiglia, puoi sempre dire “Mi piace Will & Grace “o “Mi piace Ellen DeGeneres” o chiunque sia gay dichiarato. Ci sono così tanti altri esempi ora per aiutare le persone, dando loro gli strumenti per comunicare ai bambini e alle loro famiglie che essere gay è normale quanto essere etero. Non c’è alcuna differenza.’

Loading...

Autore

Articoli correlati