Cecenia, Ramzan Kadyrov senza vergogna: ‘i gay sono diavoli, non persone’

Condividi

_81501550_rkadyrovafp

“Gay in cecenia? È una domanda senza senso. Noi non abbiamo gente di questo tipo qui. Non ci sono gay in Cecenia. E se anche ci fossero, li eliminiamo, li mandiamo in Canada“. “Allah è grande! Portateli via da noi, in modo tale che non li si abbia a casa nostra. Per purificare il nostro sangue, se ce ne sono, prendeteveli!”. “I gay sono dei demoni. Si tratta di gente che si vende. Sono delle non-persone. Dovranno rispondere al Signore per questo“.

Così Ramzan Kadyrov, dittatore ceceno, ha replicato ad un giornalista HBO che chiedeva lui dell’ormai tristemente noto omocausto, esplosi mesi fa in Cecenia per volontà dello stesso Governo.
La scorsa settimana sono stati diramati i nomi di 27 giovani gay barbaramente uccisi, con altri 30 omosessuali letteralmente scomparsi.
E il mondo, colpevolmente, tace di fronte a questo orrore.

Autore

Articoli correlati

  • Alex

    Pezzo di merda…

  • La ce enia è protetta dalla Russia, la più grande potenza nucleare del mondo. Purtroppo la comunità internazionale oltre qualche proclamo non può fare nulla..

  • Personcina

    A me infatti quello che fa più schifo è il silenzio dei media occidentali su questa vicenda. Almeno in Italia. Se non fosse per questi blog io non ne saprei nulla e immagino a questo punto che la gente in generale non ne sappia nulla.

  • Elenio Bonham Carter

    Non mi capacito di come sia possibile che l’evoluzione dell’uomo si posso essere fermata a questo livello. Non lo dico per fare polemica verso un pensiero così lontano dal mio, credo davvero si tratti unicamente di un esempio di uomo appartenente a una specie umana sotto sviluppata, non può essere solo “un pensiero diverso dal mio”, non a questo livello.

  • Leonardo Caruso

    Schifo umano…

  • !_!M!_!

    mi sembra di sentire la chiesa cattolica italiana degli anni 80…certi paesi sono davvero ‘sotto-sviluppati’ mentalmente e sono praticamente indietro di 100 anni. Ma ovviamente, questo libero sfogo è solo colpa di una persona, il presidente Russo