Uomini e Donne gay + C’è Posta per Te gay: Maria De Filippi motiva i suoi NO

Forse Uomini e Donne avrebbe un problema pratico: i corteggiatori avrebbero la possibilità di vedersi e di incontrarsi anche due volte a settimana, e se nascessero storie d’amore tra di loro verrebbe meno l’assunto del programma. Per C’è posta, spesso ci ho pensato, sono arrivate delle richieste, ho però una remora: il compagno o la compagna invitato al buio (come il presupposto vuole), laddove non fosse dichiarato, sarebbe contento/a di vedere rivelato il suo orientamento sessuale?“.
Ehm, di grazia.
Cara Mariah.
Ma che davero davero ce voi fa crede che tutto ciò abbia senso?
Passi il dubbio riguardante C’è Posta per Te (come se fosse tutto vero, lallero), ma la motivazione riguardante Uomini e Donne rasenta la pura comicità, visto che troppi amori ‘omo’ saranno già nati negli anni passati tra i vari corteggiatori ‘etero’.  E soprattutto, cara DeFi, sappi che non siamo bestie da monta, pronte a far esplodere orge assassine appena siamo in branco. Ennamo.